STORIE DA BBR: IL REGALO DI RICCARDO.

Leno, 17 aprile 2017

Oggi voglio raccontarvi una storia, una come tante forse ma nella sua semplicità, tanto straordinaria.

Racconta di Riccardo, il nostro eroe, che ha incontrato il rugby e come per magia ha trasformato i suoi genitori nei suoi fans e il suo coach Davide nel suo educatore emozionale.

La prima meta, un rugbysta, non la scorda mai, è come il primo bacio. E' il raggiungimento di un traguardo che si percepisce tanto lontano e irraggiungibile e poi, d'un tratto, si equilibra la giusta dose di motivazione e di energia che "buuum!": accade.

Questo è ciò che è accaduto a Riccardo: ha segnato la sua prima meta al torneo Corallo nella categoria under 10 della "bassa". Questo avvenimento ha scatenato i suoi fans (mamma e papà) che hanno esultato con gioia vera e ha gratificaro il suo coach che ha sigillato la magia del momento con un 5 battuto in aria.

Questo è il bello del rugby: la capacità di trasformare le idee e la deteminazione di un atleta in un gesto reale e concreto.

Riccardo poi è arrivato in sede a Leno, nel pomeriggio dopo il torneo, con un'altra idea ben precisa in testa: ricordare questo momento acquistando il pallone della Bassa e restando a vedere il match della squadra seniores.

Per finire questa breve storia di soddisfazioni riportiamo le parole della mamma Fausta: "Nostro figlio ci ha permesso di conoscere il rugby e qui, sia lui che noi, abbiano trovato amici VERI, sinceri, leali e sempre pronti ad aiutarsi. Scoprendo la famiglia della Bassa Bresciana Rugby ci abbiamo guadaganto tutti!"    

Veramente belle soddisfazioni - ndr 

Flanker81

 ASD Rugby Bassa Bresciana Leno